charlie-sardinia.jpg
output_media.php.jpeg
ulassai - piazza barigau

Il territorio di Ulassai confina con Jerzu, Gairo, Tertenia, Osini, Perdasdefogu, Ussassai ed Esterzili; la sua distanza dal capoluogo di provincia Nuoro è di 90 Km., mentre quella da Cagliari è di 124 Km. e quella da Olbia di 291 Km.

Il suo territorio, data la sua estensione (circa 13.000 ettari) e conformazione, offre una notevolissima varietà di paesaggi tra i più suggestivi della Sardegna.

Qui possiamo ammirare, accanto agli estesissimi boschi di querce, elci, agrifogli, corbezzoli, lentischi, ginestre, essenze tipicamente mediterranee etc., numerosissimi ruscelli e corsi d'acqua che danno luogo, durante la stagione delle piogge, alla formazione di laghetti e cascate.

Nella parte alta del paese un posto di primo piano spetta di diritto al suggestivo ''Tisiddu'', una struttura calcarea, quasi dolomitica, con pareti vertiginose che cadono a picco sul centro abitato raggiungendo in certi punti quasi i cento metri di altezza.

dove siamo

i973676387156339895.jpg
i973676387156339608.jpg
gairo vecchio - gairo taquisara - marina di gairo

Il centro abitato di Gairo Sant'Elena e la sua suggestiva frazione di Gairo Taquisara si trovano nella parte centro orientale dell'isola nella provincia dell'Ogliastra, tra i 650 e gli 800 metri di quota, a dominare la particolare vallata del rio Pardu. Molto suggestivo l'ambiente circostante ricco di boschi e di ''tacchi'' calcarei tra cui spicca il monumento naturale di ''Perda 'e Liana'', maestoso monte la cui singolare mole, con i suoi 1297 mt., domina una vasta area del Gennargentu. Notevole la presenza di monumenti di età prenuragica e nuragica tra cui si segnalano i villaggi di ''Is Tostoinus'' e ''Perdu Isu''. La Marina di Gairo, sulla costa a sud di Barisardo e Cardedu, conserva spiagge incantevoli e poco frequentate, ideali per chi ama vacanze tranquille.

315.jpg
osini vecchio

Osini vecchio è un antico borgo situato nella Sardegna centro-orientale, precisamente nella Valle del Pardu, abbandonato a causa di un’alluvione, nel lontano 1951, che mise in ginocchio i suoi abitanti.

Oggi il nuovo paese sorge poco più su e gli abitanti non hanno perso l’abitudine di spendere del tempo presso Osini vecchio curandolo fin quanto possibile.

i973676387156330542.jpg